Domanda:
Tutta l'attività è la stessa per la perdita di peso?
JohnP
2015-05-02 03:31:04 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'è stato un studio recente sul Journal of Applied Physiology, in cui hanno preso una coorte di 96 persone obese e le hanno avviate con diversi regimi di esercizio, oltre a un deficit mirato del 30% nelle calorie giornaliere .

Sono stati inseriti in quattro programmi diversi, come spiegato in questo articolo:

Tutti i soggetti hanno eseguito i loro programmi di esercizio tre volte a settimana per la stessa durata e alla stessa intensità (51 minuti al 50% di intensità durante le settimane 2-5; 50 minuti al 60% di intensità nelle settimane 6-14; 60 minuti al 60% di intensità nelle settimane 15-22.

Quello che hanno scoperto è che la perdita di peso era la stessa, indipendentemente dall'attività, come scritto dal team di ricerca:

"Il presente studio mostra che, quando aderito a una dieta ipocalorica, diversi programmi di allenamento fisico (resistenza, forza o loro combinazione) o il seguito di raccomandazioni sull'attività fisica sono ugualmente efficienti in termini per migliorare il peso corporeo e le variabili di composizione corporea nella gestione dell'obesità. "

Dato che c'è stato a lungo dibattito sul" miglior "esercizio per perdere peso, come posso utilizzare un professionista del fitness queste informazioni per aiutare le persone con cui lavoro?

La cosa più importante che puoi trarre da questo, IMO, è che non puoi superare una cattiva alimentazione. Dovresti ricordarlo ai tuoi clienti.
Quanto spesso lavori con persone obese? Perché questa è l'unica cosa per cui questo studio può concludere qualcosa: è come influisce sugli individui obesi. Guarderei anche a come hanno impedito a variabili confondenti di distorcere i loro risultati (come fanno a sapere che l'esercizio ha avuto alcun effetto dopo il deficit giornaliero del 30%?), Se non del tutto.
Tre risposte:
#1
+4
Eric
2015-05-04 23:40:28 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non direi che lo studio sia difettoso, ma non è eccessivamente esaustivo ed è troppo facilmente estrapolato dal contesto. Si rivolge a persone obese che non hanno fatto nulla e le ha monitorate per ~ 5 mesi.

Questo studio per me è simile al " puoi mangiare Twinkies tutto il giorno e perdere grasso ". È vero in un senso molto isolato, ma rimpicciolendo un po 'e guardandolo con un ambito più ampio risulta un po' piatto.

Novantasei obesi (uomini = 48; donne = 48; età range 18-50 anni) hanno partecipato a un programma supervisionato di 22 settimane.

Inoltre, erano tutti in restrizione calorica , che è di gran lunga conosciuta dal maggior contributore Grasso perso.

Inoltre, tutti i gruppi hanno seguito la stessa dieta ipocalorica.

Penso che il take away più grande sia due punti che sono già abbastanza noti:

  1. Il controllo delle calorie è la più grande influenza sul grasso corporeo, specialmente per le persone che sono già obese (è sicuro che prima erano in eccesso calorico).

  2. Che nei primi 6 mesi di addestramento, puoi ottenere quasi lo stesso rapporto qualità-prezzo lanciando un elenco telefonico in una stanza come potresti fare un addestramento più specializzato.

La differenza per me con il secondo è che, nel regno dell'allenamento della forza efficace (a differenza di qualcosa come zumba, ad esempio) è che ora hai un tasso metabolico basale più elevato, densità ossea maggiore, sono meno soggetti a lesioni e hanno le competenze necessarie per progredire verso stili di allenamento ancora più efficaci.

Ma perché tutto questo è importante?

Perché la perdita di peso è associata alla gestione del peso. Meno infortuni hai, maggiore è la tua densità ossea, migliore è il tuo equilibrio e più duro è il tuo tessuto connettivo, più sarai in grado di rimanere attivo e dedicare meno tempo alla parte posteriore per affrontare i disturbi. Il metabolismo basale più elevato è una bella ciliegina sulla torta.

Mi rendo conto che secondo te (e molto probabilmente vero) l'allenamento con i pesi offre molti benefici accessori, ma come posso utilizzare le informazioni nello studio come strategia a lungo termine per promuovere la salute dei clienti? E se odiassero assolutamente l'allenamento con i pesi?
@JohnP, credo che risponderei che i dati portano dove portano. Se le persone non vogliono seguire le prove, questa è la loro decisione, ma non invalida le prove. In una questione pratica con i clienti in formazione, suppongo che mi concentrerei sulla dieta e sull'attività generale (cosa ha fatto lo studio), e che anche una seconda scelta (dieta, nessun allenamento di forza, yoga / zumba / jogging / ecc.) aggrapparsi è anni luce meglio di niente.
#2
+4
rrirower
2015-05-04 19:44:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dopo aver letto ciò che hai pubblicato, non posso dire di essere sorpreso dai risultati. Penso che rafforzi l'idea che nessuno esista un modo perfetto ("migliore") per raggiungere gli obiettivi di fitness di un individuo. Troppo spesso si perde di vista il fatto che tutti reagiamo agli stimoli dell'allenamento in modo diverso. Suggerire un regime di allenamento specifico o una modifica della dieta senza una conoscenza approfondita degli obiettivi e della situazione personale del cliente non è nel miglior interesse del cliente.

I clienti (pagati o meno) in genere si consultano con un personal trainer perché ciò che hanno provato non ha raggiunto i loro obiettivi o stanno cercando di migliorare al livello successivo. In alcuni casi, sono disposti a pagare per la tua esperienza e conoscenza con la consapevolezza che qualunque cosa tu consigli sia specifica per i loro obiettivi personali. Questo studio implicherebbe che raccomandare un protocollo di allenamento rispetto a un altro non avrebbe importanza. Detto questo, l'approccio della tua raccomandazione non dovrebbe essere orientato verso gli obiettivi individuali del cliente?

Penso spesso alla prescrizione di esercizi nello stesso contesto di un fisioterapista. Date le condizioni di un paziente, non raccomandano l'esercizio "migliore" accettato per risolvere la situazione. Piuttosto, si prendono il tempo per personalizzare gli esercizi che sono ottimali per gli obiettivi del paziente, che si tratti di tornare allo sport o alle attività della vita quotidiana.

Penso che prendersi il tempo per conoscere gli obiettivi, le aspirazioni e limitazioni dei tuoi clienti e, adattare i tuoi protocolli di conseguenza, è molto più importante che prescrivere l'esercizio "migliore".

#3
+2
Sean Duggan
2015-05-02 09:21:21 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Probabilmente il risultato più importante è che quasi tutti gli esercizi funzioneranno se eseguiti con intensità sufficiente e combinati con il giusto deficit calorico. Pertanto, i clienti dovrebbero essere liberi di scegliere esercizi che li interessano, a cui possono attenersi. E consiglierei di sottolineare che coloro che sono coinvolti negli esercizi li facevano regolarmente e con intensità.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...