Domanda:
Come mantenere costante la bracciata durante il nuoto?
David Graovac
2014-07-17 01:02:59 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nuoto a lungo da circa un anno e di solito nuoto per 2000 metri durante gli allenamenti. Struttura le mie nuotate in intervalli diversi e sono lunghe distanze, ritmo veloce e sprint. Quello che trovo è che durante queste lunghezze di ritmo veloce (100 m), la mia tecnica di nuoto cade a pezzi negli ultimi 35-40 metri. Come posso mantenere la mia bracciata più consistente e impedire che cada a pezzi? Qualsiasi aiuto sarebbe molto apprezzato.

Tre risposte:
#1
+6
JohnP
2014-07-17 02:21:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Pratica, pratica e ancora pratica.

In genere la tua forma andrà in pezzi in quasi tutti gli sport una volta che inizi a stancarti. Se succede ogni volta sui 100 veloci, allora stai andando troppo veloce per la tua forma fisica. Se nuoti da un anno e mostri un miglioramento minimo nei tuoi tempi complessivi, allora potresti avere alcuni difetti di ictus che necessitano di lavoro.

Anche i difetti di ictus possono avere un ruolo nel guasto, se lo sei dover combattere il tuo colpo, ti affaticherà più velocemente del nuoto con una buona forma.

Il nuoto è uno sport che è quasi interamente basato sulla forma, quindi migliore è la tua forma più velocemente andrai per lo stesso sforzo. Ciò è dovuto a una maggiore efficienza in acqua, minore resistenza aerodinamica, migliore respirazione e minore affaticamento.

La mia linea di demarcazione è di circa 2: 00 / 100m. Supponendo che la forma fisica in sé non sia un limitatore, se puoi andare 2: 00 / 100m o più veloce per una nuotata di 400m o più, allora probabilmente è necessario un lavoro più duro per diventare più veloce. Se sei più lento di 2:00 / 100m per quella distanza, probabilmente hai dei problemi di forma che richiedono attenzione. Ovviamente nel mezzo, potresti avere un po 'di entrambi.

Proprio come un campione N = 1, sono stato un nuotatore competitivo per molti anni e non sono stato in piscina per un allenamento in vicino a 3 anni. Posso ancora entrare in una piscina ed essere in grado di fare 100 m in meno di 1:30, sotto 1:15 se lo spingo davvero. È tutto dalla forma.

#2
+2
Trekker
2014-09-16 17:01:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il mio suggerimento è di prendere una copia del libro Total Immersion, è specializzato nell'insegnamento della buona forma con alcuni concetti interessanti inseriti. Una cosa che penso di ricordare di aver letto è che quando senti la tua forma vacillare durante un rep, stop! Oppure la cattiva forma diventa abituale. Nuota solo quando la forma è buona e aumenta la distanza e la velocità allo stesso tempo finché la forma rimane buona.

Nuotare solo quando la forma è buona rende un'abitudine una buona forma e allena il tuo corpo a rimanere coerente in una buona forma anche se ti stanchi e hai difficoltà a mantenere una buona forma.

All'inizio vai piano mentre lavori sulla forma. Il segno più sicuro di una forma debole è se non riesci a farlo correttamente quando vai piano. È come un atto di equilibrio, a differenza di quando vai veloce e una cattiva forma non ti sbilancia facilmente.

Dopodiché, di tanto in tanto puoi fare un po 'di allenamento ad alta intensità (HIIT) e solo finché la forma rimane buona, con uno sforzo dell'80-100%. Ciò aumenterà la tua resistenza per gli sprint a breve distanza e alla fine aumenterai la distanza che puoi scattare usando una buona forma.

Mmm ... TI va bene se non hai mai nuotato prima. Insegna un colpo che può essere fatto, ma (nella mia esperienza) raramente può produrre un nuotatore veloce.
A volte nuotare velocemente richiede che il lettore sappia esattamente cosa cercare in libri come TI e come mettere in pratica i concetti in modo efficace. Direi che trovare ciò che è più utile fa parte dell'equazione per il successo, ma è bene leggere anche libri diversi sulla tecnica di nuoto che offrono prospettive diverse su come eseguire correttamente i colpi (ad esempio, colpo a S o meno nel freestyle).
@JohnP Ho dimenticato di aggiungere il tuo nome utente per avvisarti. Vedi sopra.
Trekker - Possiamo certamente discuterne in chat, ma sono dell'opinione generale che TI insegni una corsa sicura che almeno permetta alle persone di completare le nuotate. Sono molto in disaccordo sul fatto che insegni qualsiasi tipo di colpo veloce, tranne quelli con cui "scatta". Non sono contro il TI in generale, ma cerco di guidare le persone che vogliono essere più competitive come nuotatori lontano da esso.
@JohnP Non ho affermato da nessuna parte che TI insegna alcun tipo di corsa veloce. Nemmeno ho usato la maggior parte dei trapani TI. È ciò che il lettore cerca nel libro che fa la differenza. Leggi il 3 ° paragrafo nel mio post. Andando estremamente lento mentre eseguivo le bracciate regolari, ho osservato i difetti in tutte le mie bracciate e sono stato in grado di diventare un nuotatore molto efficace e veloce. Il mio allenatore di nuoto del college mi ha fatto fare Fly e IM a tutti gli incontri. Il mio PR per 100 Fly è 1:01. Non avrei potuto andare così veloce dopo solo 2 anni di nuoto senza aver scelto con cura i concetti corretti dal libro TI.
@JohnP Sono aperto per una chat più tardi, anche se non l'ho mai usato prima e non ho idea di come contattarti. Puoi farmi sapere come? Purtroppo ho delle commissioni da fare ma tornerò più tardi.
#3
+1
FredrikD
2014-07-19 20:48:44 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Uno strumento che può aiutarti a controllare la frequenza dei tuoi colpi è un trainer di tempo.

Il controllo della frequenza ti consentirebbe di aumentarla gradualmente fino a raggiungere un punto dove senti che la tecnica fallisce.

Ad esempio, nuota per 50 metri con un tempo tra le bracciate di 1:25. Se la tecnica è corretta, diminuiscila a 1:15, nuota per 50 m, ecc.

Una volta trovata una frequenza che funziona per una breve distanza, aumenta la distanza per l'intervallo.



Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...