Domanda:
Come misurare la frequenza cardiaca di recupero
Regan Sarwas
2012-07-01 04:36:40 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Primo, come viene definita e misurata la frequenza cardiaca di recupero?
Secondo, quali sono i valori da buoni a poveri per il confronto?

C'è qualche motivo particolare per cui sei preoccupato?
@Ivo, Non preoccupato, solo curioso. Vorrei usarlo come un'altra metrica di allenamento.
Quattro risposte:
#1
+6
JohnP
2012-07-01 09:28:15 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ancora una volta, questo è qualcosa che è soggettivo e varia da persona a persona.

In genere controllo le mie risorse umane alcune volte durante la settimana come prima cosa quando mi sveglio e occasionalmente quando sono seduto a guardare la TV. Questi ti daranno le linee di base. Quando finisco un allenamento, prendo immediatamente la mia FC e ancora una volta tra un minuto o due. Questi sono ciò con cui confronti quando lo controlli.

Quello che stai cercando è un calo consistente. Se la tua FC rimane elevata rispetto alla tua tendenza normale, allora potresti essere stanco, aver fatto un allenamento più duro del solito, il tempo è diverso, hai avuto troppa caffeina quel giorno, ecc. Ecc. La FC è una metrica che è molto variabile a seconda di molte condizioni.

Per me personalmente, la mia frequenza cardiaca a riposo mattutina è quasi l'unica a cui presta costantemente attenzione. Se è elevato per alcuni giorni rispetto al normale, allora so che qualcosa non va.

Le risorse umane non sono una delle mie metriche di allenamento preferite da utilizzare, poiché ci sono così tante variabili diverse che possono influenzarlo giorno al giorno o anche di ora in ora.

JohnP: hai guardato restwise.com? uno dei principali indicatori utilizzati per determinare il recupero è la frequenza cardiaca a riposo. pensato che potresti essere interessato.
@RyanMiller - Lo uso per misurare il recupero e monitorare un RHR giornaliero come ho detto. Quello che intendevo non usandolo come metrica di allenamento, è che non baso i miei allenamenti su zone FC, perché è molto variabile a seconda di molti fattori diversi.
Ti stavo solo chiedendo se avevi familiarità con Restwise come strumento e / o ne avevi esperienza. Non l'ho usato per discutere di nulla nella tua risposta. Ho votato la tua risposta.
Ah, no, non l'avevo visto. Lo guarderò stasera, grazie. Ho pensato che fosse una vista tipo zona di allenamento, il mio malinteso.
#2
+4
Lou
2016-08-02 01:13:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Secondo questo articolo:

il recupero della frequenza cardiaca è definito come la diminuzione della frequenza cardiaca di una persona , misurata 1 minuto dopo l ' esercizio massimo

con "esercizio massimo" descritto come il più faticoso possibile, possibilmente anche maggiore della frequenza cardiaca massima teorica ( 220 - età).

L'articolo definisce anche un certo punto limite: un tasso di recupero di meno di 12 bpm (in 1 minuto) dopo il picco di esercizio come indicatore di cattiva salute cardiovascolare, con tasso di recupero da 20 a 30 che rappresenta il "punto debole":

Relative risk depending on heart rate recovery, dashed lines are 95% confidence interval

Ad esempio, il grafico mostra che il recupero della frequenza cardiaca di ~ 10 bpm suggerisce un rischio ~ 4 volte maggiore rispetto alla linea di base (da 2 a 7 volte con una confidenza del 95%).

L'articolo ha anche definito il "picco di esercizio" come faticoso possibile , possibilmente anche maggiore della riserva teorica di frequenza cardiaca:

I pazienti sono stati incoraggiati a raggiungere un esercizio massimo limitato dai sintomi; il solo raggiungimento della frequenza cardiaca target (in base all'età) non era una ragione sufficiente per interrompere il test.

Tuttavia, l'articolo che descrive l'esperimento rileva che i pazienti con problemi cardiaci tasso di recupero aveva anche altri indicatori di cattiva salute cardiovascolare , il che significa che la relazione causa-effetto potrebbe non essere così chiara:

rispetto ai pazienti con un valore normale per recupero della frequenza cardiaca, quelli con un valore anormale (≤12 battiti al minuto) erano più anziani, avevano una frequenza cardiaca a riposo più alta, avevano maggiori probabilità di avere ipertensione o diabete, erano più propensi a fumare e avevano maggiori probabilità di avere onde Q l'elettrocardiogramma o una storia di malattia coronarica. Erano anche più propensi a prendere calcio-antagonisti o vasodilatatori non diidropiridinici.

E inoltre:

L'aumento dei livelli di forma fisica era fortemente correlato alla diminuzione dei tassi di valori anormali per il recupero della frequenza cardiaca tra uomini e donne.

Il che suggerisce che il raggiungimento di livelli più elevati di forma fisica potrebbe aumentare il valore di recupero della frequenza cardiaca e contribuire a ridurre i rischi per la salute, come suggerisce comunque la maggior parte degli studi. Gli atleti e le persone in forma potrebbero avere tassi di recupero cardiaco superiori a 30 bpm.

+1 Ottima risposta. Vale la pena notare che l'articolo si trova nel The England Journal of Medicine.
#3
+2
spinodal
2012-09-05 13:46:22 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Il normale recupero della frequenza cardiaca è una diminuzione delle ore di 20-25 bpm (in 1 minuto). Per una persona più in forma sarebbe 30-45 bpm (in 1 minuto). Il recupero anormale della frequenza cardiaca è generalmente definito come 12 o meno bpm (in 1 minuto).

Per il numero 12 questo è il riferimento

Hai un riferimento per questi?
Per il numero 12 questo è il rif: http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJM199910283411804 ... Ma non ricordo dove ho imparato altri numeri. Qui (http://goo.gl/fdXuj) si dice "recupero normale della frequenza cardiaca, che è una diminuzione da 15 a 25 battiti al minuto".
Ok, allora ti manca un componente critico. Quelli sono tassi di recupero AL MINUTO, non numeri generali. Quindi un normale recupero della FC è di 20-25 bpm al minuto. Questa è una grande differenza tra qualcuno a 160 anni che recupera solo a 140, e qualcuno che recupera da 160 a RHR in pochi minuti.
frequenza cardiaca di recupero significa che ... per minuto o per due minuti, non per frequenza cardiaca a riposo ... è la definizione ...
Mmm ... no. La tua dichiarazione afferma categoricamente "Il normale recupero della frequenza cardiaca è una diminuzione delle tue ore di 20-25 bpm". Qualche persona in generale senza molta conoscenza la considererà un'affermazione specifica, non una tariffa al minuto.
@JohnP: Ciao, mi chiedo anche se ci sono alcune definizioni migliori di un tasso di recupero "sano". Ovviamente, se non sei in forma e cammini a passo svelto fino a raggiungere 120 bpm, potresti recuperare solo 100 bpm dopo un minuto (20 bpm diff). Ma questa stessa persona che fa un salto a 160 scenderà anche (diciamo) 120 in un minuto (40 bpm diff), quindi non vedo come potrebbe esserci una misura assoluta come questa senza almeno menzionare quale zona dovresti colpire prima riposando.
#4
  0
Ryan Miller
2012-09-05 20:12:23 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Direttamente da RestWise.com:

La scienza dello sport ha confermato il legame tra la variazione della frequenza cardiaca a riposo e il sovrallenamento. Ma questo collegamento non è né facilmente comprensibile né direttamente correlato. Il problema è che una frequenza cardiaca a riposo elevata può indicare stress durante l'allenamento ... ma può anche significare semplicemente che hai avuto una dura giornata di lavoro. A complicare le cose, un polso elevato può essere un segno di sovrallenamento simpatico, mentre un polso notevolmente abbassato può indicare uno stress parasimpatico. Restwise analizza la variabilità della frequenza cardiaca a riposo nel contesto sia della cronologia della frequenza cardiaca che degli altri input giornalieri. Il nostro algoritmo quindi distilla questa complessità e regola il calcolo.

La frequenza cardiaca a riposo dovrebbe essere idealmente monitorata durante il sonno o come prima cosa al mattino, prima di alzarsi dal letto. Le variazioni giornaliere della frequenza cardiaca a riposo di circa il 5% sono comuni e di solito non sono associate a fatica o stress. Tuttavia, aumenti superiori al 5% sono generalmente riportati in individui affaticati o acutamente superati (simpatici).

La frequenza cardiaca di recupero è: "quanto la frequenza cardiaca diminuisce durante il primo minuto dopo il picco di esercizio". questo non è direttamente correlato alla frequenza cardiaca a riposo.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...