Domanda:
Correre più velocemente causa più infortuni?
Ben Crowell
2013-11-27 03:25:17 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Se corro per un numero fisso di miglia, ci sono prove scientifiche solide che dimostrano se correre a una velocità maggiore mi rende più probabile che mi faccia male? Sono un fisico, quindi la mia tendenza è provare a creare modelli basati sulla meccanica. Presumibilmente lesioni come la fascite plantare sono causate da uno sforzo che supera il limite elastico del tessuto e lo sforzo dovrebbe essere proporzionale al quadrato della velocità a cui corro. Questo mi suggerisce che l'infortunio dovrebbe dipendere in modo critico dalla velocità: se la mia velocità è inferiore a una certa soglia, i miei tessuti non superano mai il loro limite elastico, ma una volta superata quella soglia, inizio improvvisamente a fare danni.

Quindi la velocità uccide: vero o falso? Esiste una buona medicina basata sull'evidenza su questo argomento? Quello che segue è l'unica cosa che mi è capitato di trovare che sembra pertinente: http://articles.latimes.com/2013/jun/27/news/la-sn-ultra-marathon-20130627 Questo è un articolo di giornale che descrive una ricerca che sembra dimostrare che la corsa su distanze molto lunghe può, controintuitivamente, meno causare lesioni, probabilmente perché la distanza maggiore costringe i corridori ad andare più lentamente.

D'altra parte, le persone spesso contraggono la fascite plantare anche quando tutto ciò che fanno è stare in piedi o camminare.

Due risposte:
#1
+4
Jean-François Beauchef
2013-12-30 20:14:45 UTC
view on stackexchange narkive permalink

C'è un articolo nell'International Journal of Sports Physical Therapy di ricercatori danesi che ha concluso che:

... il volume corrente può in qualche modo essere associato al lo sviluppo di PFPS, ITBS e PT durante la corsa può essere associato allo sviluppo di AT, GI e PF.

Quindi la velocità sarebbe associata a fascite plantare, tendinopatia di Achille e lesioni gastrocnemio .

#2
+1
usdxile
2013-11-30 09:38:46 UTC
view on stackexchange narkive permalink

... e la deformazione dovrebbe essere proporzionale al quadrato della velocità alla quale corro.

Quasi tutto il carico posto sul tuo corpo è una funzione del tuo movimento verticale, non della velocità (movimento orizzontale). Ci sono due stili di corsa:
(1) meno falcate, più distanza per falcata, movimento verticale significativo. più danni.
(2) più falcate, minore distanza per falcata, minimo movimento verticale. meno danni.

Gli scienziati dello sport spiegano completamente questo problema qui

* Quasi tutto il carico posto sul tuo corpo è una funzione del tuo movimento verticale, non della velocità (movimento orizzontale). * Anche il movimento verticale accelera quando corri più veloce. In generale, non credo che questa risposta affronti la domanda.
La velocità è la variabile sbagliata. (1) una persona non poteva saltare la corda per l'infinito. Senza velocità, la caviglia, il ginocchio o l'anca alla fine si rompono. (2) Immagina un uomo di 300 pnd su una superficie priva di attrito, che declina di 1 grado, nel vuoto. Poteva raggiungere una quantità infinita di velocità stando fermo senza fare danni a se stesso. Il danno è causato dalla necessità di assorbire il peso corporeo mentre si abbatte per il passo successivo. Un giocatore di football americano di 300 pd non può usare passi lunghi perché si spezzerebbe le gambe.
La domanda chiede se ci sono prove, non se l'ipotesi ti sembra plausibile.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...